Roba da lattanti! Quando il miracolo della vita si trasforma in una odissea: mini corso di svezzamento micini a Muratella

Home/Roba da lattanti! Quando il miracolo della vita si trasforma in una odissea: mini corso di svezzamento micini a Muratella

11149269_595566023914368_1136693911162374546_n

AGGIORNAMENTO al 22 aprile 2015 – Il primo incontro è stato un vero successo: bravissimi i tutor Francesca, Antonio e Mariangela. E attenti, motivati e sensibili i partecipanti! Grazie a tutti, continuiamo così!

10389465_595562217248082_8271881787714104529_n

QUANDO IL MIRACOLO DELLA VITA SI TRASFORMA IN UNA ODISSEA!


31 micini, di cui 27 neonati dai 2 ai 15 giorni, entrati al canile comunale Muratella di Roma in un solo giorno! Ed é solo l’inizio della stagione delle nascite!

Il Punto di Primo Soccorso Gatti di Muratella -unico in tutta Roma- non é strutturato per accoglienze di questo tipo, ma grazie all’aiuto dei volontari ed operatori esperti AVCPP e in questo caso delle volontarie del Gattile di Valle Grande, questi cuccioli hanno trovato sistemazione.

Quella dell’abbandono dei neonati é una questione che coinvolge e preoccupa volontari, Associazioni, detentori di colonia e cittadini. Per questo l’Associazione Volontari Canile di Porta Portese ha pensato di organizzare alcuni incontri – aperti a tutti gli interessati muniti di tempo, pazienza, buona volontà e amore – per creare una rete di “balie” in grado di accogliere, svezzare e ospitare i piccoli orfanelli e dare loro la possibilità di sperare in un futuro grazie alle adozioni consapevoli gestite dall’Ufficio Adozioni di Muratella.

Nel corso volontari esperti spiegheranno come si svezzano neonati di gatto.  E creeremo così una rete di mamme e papà per tutte le emergenze che si presenteranno.
Grazie a tutti!  Per info e date dei corsi,  info@iolibero.org

11133866_592820947522209_7665316386227480271_n

HAI TROVATO UN GATTINO NEONATO ?!?

Ecco le 3 cose essenziali da fare immediatamente per metterlo in sicurezza :

TIENILO AL CALDUCCIO:
il suo piccolo corpicino non ha ancora sviluppato perfettamente la capacità di mantenere il calore corporeo e quindi devi aiutarlo tu.
Avvolgilo in un panno di lana o di pile, anche se è estate e le temperature esterne sono elevate. Il suo corpo deve essere caldo al tatto, quindi se lo senti freddo massaggialo con delicatezza, coprilo e se necessario mettigli vicino una fonte di calore (borsa dell’ acqua calda, bottiglia di plastica con acqua calda ) .
Ricordati di coprire bene con un panno queste fonti di calore, la loro pelle è delicata, rischiano scottature !!

MANTIENILO IDRATATO E NUTRITO.
I piccoli devono mangiare spesso , nei primi 10 giorni di vita ogni 2 o 3 ore, sia di giorno che di notte. Se non vengono nutriti per lungo tempo (oltre le 8/10 ore )rischiano una crisi ipoglicemica.

AIUTALO AD ESPLETARE LE SUE NECESSITÀ FISIOLOGICHE:
i cuccioli hanno difficoltà ad urinare e defecare da soli, nei primi giorni di vita.
Per questo la mamma gatta li massaggia e li sollecita con la lingua.
È buona norma quindi dopo ogni poppata, massaggiare il pancino ed i genitali con una spugnetta umida e calda, per aiutarli a fare i bisognini.

Ricordati sempre di mantenerlo pulito ed in un ambiente sano, evitando il contatto con altri animali di cui non conosci le condizioni di salute.

Quando troviamo un gattino neonato orfano è importante cercare subito una mamma gatta che possa allattarlo e prendersi cura di lui. Nel caso che ciò non fosse possibile dobbiamo darci da fare per diventare le migliori balie possibili , occupandoci innanzitutto del suo nutrimento.

In farmacia e nei negozi di animali vendono ormai da anni numerose marche di latte in polvere SPECIFICO PER GATTINI.
In questo caso non ci resta che armarci di biberon per cuccioli ed attenerci alle dosi raccomandate sulla confezione .

In alternativa, nel caso ci fosse impossibile trovare il latte già pronto, possiamo agire così:
misceliamo 100 ml di latte di capra intero,
1 cucchiaio di panna da cucina ( QUINDI NON ZUCCHERATA )
e mezzo tuorlo d’ uovo (senza albume e senza la pellicola che avvolge il tuorlo perché possono provocare diarrea ).
Agitare bene la miscela e conservarla in frigo per un massimo di 4 giorni .
Al momento del pasto si preleva solo la quantità che ci serve per quella poppata e la si riscalda fino intorno ai 35 gradi ( deve essere tiepida quando versiamo qualche goccia sul dorso della mano )

2015-04-23T17:26:23+00:00 23 aprile 2015|0 Comments

Leave A Comment