Parte la campagna adozioni per i cani per la guardia firmata AVCPP

Home/Parte la campagna adozioni per i cani per la guardia firmata AVCPP

 

Grazie a Sara ed al Gruppo Educatori AVCPP – in sinergia con l’Ufficio Adozioni AVCPP – che l’hanno immaginato, grazie a Riccardo volontario del Rifugio Vitinia ex Poverello che l’ha creativamente realizzato, e grazie a Pino volontario del Rifugio Ponte Marconi ex Cinodromo che l’ha stampato, parte questa settimana la CAMPAGNA ADOZIONI PER I CANI PER LA GUARDIA firmata AVCPP.
 
Come a tutti noto, i canili comunali sono pieni di cani da lavoro, di difficile adozione in un appartamento di città. Si è cosi’ pensato di dare una chance di adottabilità anche a loro, puntando molto sulle loro caratteristiche etologiche, sulle loro predisposizioni più pronunciate.

Perchè un cane, naturalmente nato per “lavorare” insieme al proprio amico umano, non puo’ esprimere la sua naturale predisposizione?

Perchè un cane nato per fare la guardia alla propria famiglia, non può essere messo nelle condizioni di svolgere al meglio il suo lavoro?

Una famiglia avrà un amico a quattro zampe che la protegge e  contemporaneamente una casa (o un fabbricato, un magazzino, una piccola impresa) avrà un guardiano serio e responsabile. 
 
Queste locandine, questi volantini, questi cartoncini verranno distribuiti  soprattutto nelle zone a più alta densità di case monofamiliari, di villette, di bifamiliari, di magazzini, di piccoli  complessi industriali. Pensiamo a zone come Infernetto, Axa, Casal Palocco, ma anche i Castelli Romani e tutta la Provincia di Roma.
 
Pensata in 3 diversi formati (volantini in formato A5, locandine su cartoncino in formato A3 e locandine in formato SRA3 – 45 x 32, leggermente più grandi dell’A3), la campagna intende rappresentare una possibilità in più  per una tipologia di cane, forse di difficile adozione in un contesto urbano, che rischia di vedere la sua gabbia trasformarsi in una prigione a vita.

Per adottare UN CANE PER LA GUARDIA ospite dei canili comunali di Roma Capitale, telefonare all’Ufficio Adozioni AVCPP al 349 3686973 oppure inviare una mail a adozioni@iolibero.org

2011-09-21T22:37:29+00:00 21 settembre 2011|5 Comments

5 Comments

  1. eleonora 22 settembre 2011 at 2:12 pm - Reply

    certo, bisdognerà fare un’attentissima selezione delle persone interessate…perchè è vero che un cane da guardia è spesso più efficace di un allarme, ma non se viene lasciato da solo in giardino senza mai farlo entrare in casa…i ladri non ci mettono niente a eliminarlo con una polpetta avvelenata!!

  2. admin 22 settembre 2011 at 10:38 pm - Reply

    I male intenzionati non ci mettono niente a fare qualunque cosa… Fortunatamente, non è così diffusa la pratica atroce a cui ti riferisci. Anche perchè non è così immediata come tu credi… Altrimenti non ci sarebbe piu’ neanche una casa con un cane all’interno in tutta Italia! Conosci il significato della parola deterrente?

  3. federica 29 settembre 2011 at 4:46 pm - Reply

    A me questa iniziativa piace moltissimo e sono sicura che i tanti cani, per i quali è stata pensata, rinchiusi nelle gabbie di un canile se potessero dire la loro sceglierebbero immediatamente di andare a vivere in un giardino o in un terreno e non solo, per fare la guardia, per lavorare, per utilizzare le proprie speciali innate qualità. penso spesso ai tanti maremmani e ai vari pastori che ci sono in canile e mi piace immaginarli tutti un giorno liberi in mezzo a prati grandissimi magari pure sporchi di terra, di erba, liberi fianlmente di esprimersi.
    Certo che poi anche per queste adozioni verranno fatte previo colloquio e se occorre sopralluogo, del resto Avcpp questo lo ha sempre fatto e sempre lo farà.
    Viva la libertà! Viva i cani da lavoro Liberi!

Leave A Comment