IN AFFIDO. Din Din, dal suo *VIDEO* ci osserva con i suoi occhioni a mandorla: zoppica e diventa sempre più vecchietto

Home/IN AFFIDO. Din Din, dal suo *VIDEO* ci osserva con i suoi occhioni a mandorla: zoppica e diventa sempre più vecchietto

 

AGGIORNAMENTO al6 agosto 2015 – Oggi abbiamo segnalato al Comune di Roma le condizioni sanitarie di Din Din: da un po’ di tempo zoppica in maniera molto evidente sulla zampa posteriore destra che poggia molto male ed è in peggioramento; inoltre presenta un problema evidente nella bocca, all’altezza di un molare nell’arcata inferiore sinistra. Forza Din Din!

AGGIORNAMENTO ad Aprile 2014– La fortuna torna a sorridere a Din Din: Stefano, che in passato ha già portato fortuna ad alcuni dei nostri amici, lo ha scelto per un’adozione a distanza che siamo sicuri riempirà di gioia il cuore di entrambi. Grazie Stefano, Din Din saprà conquistare tutto il tuo affetto!

AGGIORNAMENTO al 12 aprile 2013 –Purtroppo l’adozione non è andata a buon fine e, anche senza responsabilità, Din Din è rientrato in canile… cerchiamo una famiglia che voglia adottare questo bellissimo cane che ha bisogno di una presenza costante in casa affinchè possa sentirsi protetto e rilassato.

AGGIORNAMENTO al 2 gennaio 2013 – Adottato! grazie grazie di cuore a chi ha deciso di amare per la vita questo bellissimo cane! grazie grazie grazie!

ECCO LA STORIA DI DIN DIN – Maschio adulto taglia media ben proporzionato, con movimenti del corpo sciolti ed eleganti. La testa, leggermente arrotondata, gli occhi, marroni, a forma di mandorla leggermente obliqui, la corporatura ben disegnata la coda lunga e densa di pelo. Il pelo del corpo è di lunghezza media e ben pettinato.

Din Din è entrato in canile da cucciolo e da sempre condivide il box con la sua compagna Nina, anche lei entrata cucciola. Il loro rapporto è di grande intensità e, perché no?,  di “amore”: in passeggiata si cercano con gli occhi e difficilmente si distanziano troppo.

Din Din ha un carattere allegro e gioviale, curioso e attento, non si sottrae alle coccole delle quali è ghiotto, non ha elementi di ritrosia nei confronti dell’umano e neppure nei confronti dei suoi simili.

Gli piace passeggiare e nonostante non conosca nulla del mondo esterno si è dimostrato tranquillo anche a rumori intensi. Non tira al guinzaglio ma si affida a chi lo guida e gli da sicurezza, per questo conta molto sull’appoggio della sua compagna la cui presenza lo tranquillizza.

E’ un bel cane dolce e mai nervoso o aggressivo, solamente un po’ pauroso. Ha bisogno di un po’ di tempo per prendere confidenza con il mondo esterno quindi non di una persona senza alcuna esperienza, ma di una famiglia che lo rassicuri e gli faccia conoscere piano piano quello che la vita in canile gli ha tolto, la vita di tutti i giorni nelle nostre città chiassose e frenetiche. E’ comunque pronto ad imparare ed a seguire chi gli darà sicurezza e lo ricambierà con tanto affetto.


Guardatelo nel video e ve ne accorgerete!!!

 

Associazione Volontari Canile di Porta Portese
https://www.iolibero.org/

DIN DIN, matricola 486/05 vi aspetta al:

RIFUGIO COMUNALE PONTE MARCONI (Ex Cinodromo)
Lungotevere Dante, 500, Roma
Dal lun al ven dalle h. 10 alle h. 16
Il sabato dalle h. 10 alle h. 12.45
Cell. Adozioni 3493686973
adozioni@iolibero.org
centralino del rifugio Ponte Marconi ex Cinodromo 06 5570199

Le informazioni su indole e comportamento dei cani e gatti  presenti nelle schede e/o nei commenti dell’appello sono soltanto indicative ed hanno il solo scopo di corredare la storia e le fotografie con dettagli aggiuntivi. Le informazioni dettagliate su indole, comportamento e salute degli animali nonchè la necessaria consulenza per un corretto inserimento dell’animale prescelto nel nuovo contesto verranno fornite dal personale AVCPP competente al momento della adozione.

2016-08-16T16:45:23+00:00 6 agosto 2015|1 Comment

One Comment

  1. federica 8 gennaio 2016 at 4:32 pm - Reply

    Che tenerezza Din Din. Che dolore saperlo ancora in canile.
    Din Din ti auguro che qualcuno ti scelga subito per una bella adozione e tu non debba passare un altro inverno al freddo in un box.

Leave A Comment