Canili comunali di Roma. Pubblicata la gara. 90% del personale a rischio licenziamento

Home/Canili comunali di Roma. Pubblicata la gara. 90% del personale a rischio licenziamento

20150817_155836

Pubblicata la gara per la gestione dei canili comunali. Il 90% del personale a rischio licenziamento

OPERATORI CANILI, VOLONTARI, CANI E GATTI IN LOTTA
“FERMIAMO I DUE MARINOS A ROMA”

Giovedì 20 agosto ore 10:30 speaker corner davanti all’Assessorato all’Ambiente

ROMA, 18 agosto 2015 – “Se l’Assessorato all’Ambiente – in pieno Ferragosto… – ripropone la stessa identica gara “sospesa in autotutela” dopo lo scoppio di Mafia Capitale, i casi sono due: o è un goffo tentativo di dimostrare che la gara del dicembre 2014 non era stata inquinata dalla presenza della Cooperativa 29 Giugno di Salvatore Buzzi ammessa senza averne i requisiti, oppure stanno dicendo che per 10 anni c’è chi ha rubato nella gestione dei canili comunali di Roma”. Così Simona Novi, Presidente AVCPP la onlus romana che gestisce i canili comunali di Roma dal 1997.

“Le cifre poste nel bando di gara non hanno alcuna congruità né con i tanti servizi per gli animali e per i cittadini richiesti né con i tanti servizi accessori ineludibili elencati (acquisto cibo, parte sanitaria, vigilanza h.24, derattizzazioni e disinfestazioni di ambienti, antiparassitari per gli animali, smaltimento di tutti i rifiuti comprese le deiezioni canine, la manutenzione degli apparati idraulici, elettrici etc.). Se questa gara andasse a buon fine, il 90% del personale professionalizzato (pianta organica per la gestione dei canili comunali decisa nel 2004 dal Comune di Roma) sarebbe licenziato. E la città di Roma si ritroverebbero con animali non accuditi e canili sguarniti di servizi. Senza più quegli operatori che in 20 anni e con la loro esperienza decennale hanno fatto adottare 35.000 animali, accolto 500.000 cittadini, accudito 50.000 cani e gatti malati e feriti, e solo nel 2014 fatto adottare o ricongiunto con le famiglie che li avevano smarriti tutti e 1400 i cani che sono entrati a Muratella, unico canile di ingresso a Roma di tutti gli animali malati, feriti, maltrattati, abbandonati, sequestrati, smarriti, etc del territorio romano”.

“Chiediamo che questa gara venga revocata immediatamente e lo faremo con uno speaker corner giovedì 20 agosto alle ore 10:30 davanti all’Assessorato all’Ambiente mentre i delegati sindacali avranno un incontro con l’assessore Marino – conclude Simona Novi – Noi di AVCPP siamo stati i primi, nel 2013, a chiedere all’assessore Marino di riproporre la gara del 2008, rimasta congelata nel passaggio tra la Giunta Veltroni – che l’aveva promulgata – e la Giunta Alemanno. Ma gara di appalto non deve significare macelleria sociale lesiva della dignità degli animali e degli operatori. Peraltro, tra le tante incongruenze, c’è la presenza del rifugio comunale Vitinia ex Poverello ancora senza autorizzazione sanitaria nonostante i cittadini abbiano comprato e donato al Comune di Roma il terreno privato su cui è edificato e che impediva all’Amministrazione Comunale la sua messa a norma, e non c’è una sola parola dedicata al Punto di Primo Soccorso Gatti di Muratella, l’unico punto di soccorso pubblico per i gatti di tutta Roma, che dal giorno della sua apertura nel 2005 ha già accolto quasi 7000 gatti bisognosi. Si sono addirittura dimenticati del gatto di Roma, animale libero tutelato dai regolamenti comunali ormai da decenni”.

bandi1bandi

Ecco le fotografie di alcuni articoli usciti sulla stampa romana

IL TEMPO

20150819_092510

IL CORRIERE DELLA SERA

20150819_09260620150819_092631

LA REPUBBLICA

20150819_092536

IL MANIFESTO

20150820_092946(1)

LA REPUBBLICA

20150821_093026(1)

2015-08-24T15:35:55+00:00 18 agosto 2015|0 Comments

Leave A Comment