Ciao Canada, pitbull rosso con il musetto bianco. La tua cardiopatia, creata dall’erlichia da mesi curata, ti ha portato via

Home/Ciao Canada, pitbull rosso con il musetto bianco. La tua cardiopatia, creata dall’erlichia da mesi curata, ti ha portato via

AGGIORNAMENTO al 13 ottobre 2011 – Ciao Canada, oggi gli operatori del canile hanno visto che non stavi bene. Ti hanno caricato in macchina e si sono precipitati nella clinica privata veterinaria più vicina al canile, dove sei stato immediatamente ricoverato a spese AVCPP. Purtroppo non ce l’hai fatta. Il tuo cuore ha definitivamente ceduto.

Canada, siamo molto dispiaciuti. Ma sereni. Sei stato trattato come il cane che vive nelle nostre case, come un nostro cane. Rispetto a molti, moltissimi casi, molto meglio di tanti cani che vivono nelle nostre case.

Con te siamo riusciti a fare quello che spesso per altri cani non è possibile: sapere esattamente tutto quello che hai avuto, minuto per minuto. Eravamo preparati, sarebbe successo prima o poi. Ma speravamo poi, non prima.

 Sei uscito nel giardino tutti i giorni, tutti i giorni hai avuto carezze e coccole. Controlli, visite e terapie. Sei stato trattato come un tenero vecchietto malato. Come un cane di cristallo.

Ti salutiamo dispiaciuti ma sereni. Magari fosse possibile fare quello che abbiamo fatto per te – a spese di noi volontari, operatori e grazie ai cittadini che ci aiutano – per ognuno degli oltre 2200 animali che tutti gli anni entrano nelle strutture comunali. Cerchiamo di farlo per tutti. Ma sono miracoli quelli che compiamo ogni giorno. Veri miracoli.

AGGIORNAMENTO al 6 ottobre 2011 – Oggi abbiamo portato Canada, grazie alla disponibilità dell’educatore del rifugio, ad una visita da un noto internista romano. Ovviamente, come sempre e come per tutti i cani di questo rifugio, del rifugio Ponte Marconi ex Cinodromo, della Valle dei Cuccioli e così come per moltissimi cani e gatti del Canile Muratella, a spese AVCPP. Motivo del ricovero: cachessia e bradicardia. L’internista lo ha visitato approfonditamente, ha letto tutti gli accertamenti precedenti e alla fine lo ha voluto sottoporre ad una ecocardiografia. Alla fine ha stilato il suo referto: “Possibile cardiopatia secondaria a malattia sistemica ( erlichiosi con possibile componente ipotiroidea ) ritmo non correggibile farmacologicamente ( necessiterebbe pacemaker ) nefropatia probabile causa di malessere generale consigliabile sospensione diuretici e se compare ascite preferibile aldactone 25 1 cpr sid /bid possibile utilità di eutirox per alterazione esami tiroide. Quadro ematologico ed elettroforesi migliorato forse per trattamento erlichiosi con tetracicline. Diagnosi: Blocco atrioventricolare di 3 grado con conseguente bradi aritmia, sospetto scompenso conseguente a disfunzione contrattile e insuff valvolare associata, congestione venosa epatica, nefropatia bilaterale“.

E così, dopo l’erlichia che da mesi stiamo curando e che tanto lo ha abbattuto e depresso, ora si è associata anche una grave cardiopatia. Fortunatamente, le persone AVCPP del rifugio Vitinia ex Poverello si accorgono di tutto, notano di tutto. E non si sono volute fermare a tutti i ricoveri fatti questa estate e alle cure affrontate. Fortunatamente, a loro spese, hanno continuato a seguire Canada come se fosse il “loro” cane, un cane di famiglia. Come fanno per tutti i 1200 cani di cui si occupano ogni giorno. Come fanno per tutti e i 2000 cani e gatti che entrano nei canili comunali ogni anno.

Ora Canada dovrà stare in assoluto riposo. Nessuno sforzo. Solo passeggiata libera, non al guinzaglio, nel giardino del canile.

E’ come un vecchietto, sofferente di erlichia e con seri problemi cardiaci, oggi Canada. Sarebbe davvero perfetta una casa con un giardino. Canada vivrebbe sereno e la famiglia non avrebbe alcun problema di gestione. Questo cane è stato tanto sfortunato, in tutta la sua vita. Troverà mai una famiglia “definitiva”, almeno nel periodo finale della sua vita?

AGGIORNAMENTO al 25 agosto 2011 – Canada si sta riprendendo ogni giorno di più. La terapia contro l’erlichia sta facendo effetto! Forza Canada, forza!

AGGIORNAMENTO al 20 agosto 2011 – Oggi Canada è rientrato in canile grazie ad Elvira, operatrice AVCPP del rifugio che è andata fisicamente in clinica con la sua macchina a riprenderlo. AVCPP ha pagato tutti gli accertamenti e l’intero ricovero. L’importante ora è che Canada superi le sue  patologie e possa essere dato in adozione in perfetta forma! Forza Canada! 

AGGIORNAMENTO al 18 agosto 2011 – Canada continua gli accertamenti. In questo momento, ci preoccupano i risultati delle analisi complessive che gli abbiamo fatto le quali evidenziano una bassa funzionalità dei reni e del fegato. Insomma, Canada non sta complessivamente bene e continuiamo a tenerlo ricoverato. Nel frattempo, è stata concessa l’adottabilità di Canada e questa è una buona notizia perchè finalmente possiamo anche sperare per lui in una futura adozione. Canada è un dolce vecchietto e meriterebbe, una volta impostata la giusta terapia, di vivere la sua pensione finalmente in una casa e con una famiglia “definitiva”. Lui che non ha mai avuto nulla di definitivo nella sua vita…

AGGIORNAMENTO al 16 agosto 2011 – Oggi abbiamo ricoverato Canada  – a spese AVCPP, come al solito, come sempre…. sembra quasi che i 2000 cani e gatti che entrano nelle strutture comunali ogni anno siano di proprietà dell’associazione! – per cercare di procedere al suo problema alla prostata. Rimarrà ricoverato per qualche giorno, per fare tutti gli accertamenti e capire cosa si puo’ e cosa non si puo’ fare. Ha già fatto due ecografie e gli è stato prelevato del liquido che è stato trovato nel suo addome. Ora dobbiamo aspettare la risposte al sierologico che abbiamo inviato al laboratorio d’analisi. Ed incrociamo le zampe…. Nel frattempo, Canada si gode una cameretta degenza tutta per lui ed il fresco dell’aria condizionata!  Grazie alla Veterinaria Vigna Murata per l’affetto che nutre per i nostri cani! Nel frattempo abbiamo saputo che Canada è stato reso adottabile. Forza Canada, ora una casetta ed una famiglia per te possiamo trovarla!

AGGIORNAMENTO all’8 marzo 2011 – Oggi siamo riusciti ad organizzare  delle ecografie e delle ecocardio direttamente all’interno del canile: lo specialista ha portato con sè tutti gli strumenti e l’apparecchio e così siamo riusciti a controllare un bel gruppo di cani senza far loro vivere lo stress del trasferimento all’interno di una macchina o di un furgone. AVCPP ha sostenuto tutte le spese. Canada ci preoccupava perchè avevamo notato delle tracce di sangue nelle sue urine. E’ stata effettuata l’ecografia alla prostata e abbiamo scoperto che la prostata non è ingrossata (anche perchè Canada è sterilizzato) ma ha pero’ un brutto aspetto: temiamo un tumore. Ora, dobbiamo decidere se operare Canada o meno. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per poter sostenere anche queste spese. Canada non è adottabile, è a disposizione del suo proprietario che è stato sgomberato dalla sua abitazione. Già vive lo stress del distacco dalla sua famiglia. Si merita tutte le nostre cure. Aiutateci con le vostre donazioni!

ECCO LA STORIA DI CANADA –  Canada è un bellissimo pitbull adulto, tutto rosso, con il muso che sta imbiancando con l’età. Nel 2006, quando è entrato nel canile di Roma Muratella, aveva circa 5 anni di età. Oggi ha superato i 10 anni. Il 23 novembre del 2006 venne portato ferito in canile dal suo padrone: non voleva più tenerlo, ha voluto “rottamarlo”. Poi, il 29 dicembre del 2006, è stato adottato da una persona che pero’ è stata sgomberata dalla sua casa e sta cercando una nuova sistemazione per poterlo riprendere. Ma il cane è ancora in canile e il 18 marzo 2010, per aiutarlo a superare lo stress della gabbia, lo abbiamo trasferito nel canile Vitinia ex Poverello, un parco canile nel verde, dall’atmosfera decisamente più rilassata e meno ansiogena per creature sensibili come i molossoidi.

Matricola 1972/06

2011-10-13T16:45:30+00:00 13 ottobre 2011|7 Comments

7 Comments

  1. Alessandra 18 agosto 2011 at 3:39 pm - Reply

    Canada è davvero un pit speciale, ma non ha avuto nulla di buono dalla vita, se non le attenzioni amorevoli dei lavoratori e dei volontari dell’ex Poverello. Ma insomma, non è venuto il suo turno di avere un po’ di pace? Sarebbe meraviglioso se qualcuno si prendesse cura di lui per sempre! Forza Canada, tifiamo tutti per te.

  2. eleonora 6 settembre 2011 at 10:53 pm - Reply

    che bello che è…ma non ho capito, ha un tumore oppure è qualcosa di meno grave? spero proprio che qualche amante dei pitt lo tiri fuori prima che sia troppo tardi…

  3. admin 13 ottobre 2011 at 4:48 pm - Reply

    Ciao Canada, ho avuto l’onore di portarti per un’ora nel giardino verde del canile appena 5 giorni fa. Tu, come le migliaia di cani prima di te, rimarrai sempre nel mio cuore. Nei cuori delle persone che ti hanno voluto bene. Le persone, volontari ed operatori AVCPP, del nostro rifugio. Ciao Canada.

  4. Maria Pia 13 ottobre 2011 at 10:10 pm - Reply

    ciao Canada! forte, bello e con dignità da vendere nonostante le delusioni della tua vita e nonostante la malattia! ciao, occhi belli! ciao …

  5. federica 13 ottobre 2011 at 10:33 pm - Reply

    Ciao Canada, noi ti amavamo e ti ameremo sempre

  6. cinzia 14 ottobre 2011 at 9:54 am - Reply

    ciao Canada, ciao cane dolce cane di Cristallo, amato e coccolato come i nostri cani di casa. perchè voi cani di cristallo siete i “nostri” cani e come tali dovete essere accuditi!!

  7. Alessandra 14 ottobre 2011 at 2:09 pm - Reply

    Ciao Canada, grazie di essere stato con noi, non ti dimenticheremo mai

Leave A Comment