Muratella: il cane Yuri è morto perchè è stato volutamente impedito ad AVCPP di salvarlo

Home/Muratella: il cane Yuri è morto perchè è stato volutamente impedito ad AVCPP di salvarlo

20140619_191152

Simona Novi, Presidente AVCPP : “Torniamo a chiedere al direttore generale della ASLRMD, dott. Panella, la nomina di un nuovo responsabile del canile Muratella”

CANILI COMUNALI DI ROMA: IL CANE JURI E’ MORTO PERCHE’ E’ STATO VOLUTAMENTE IMPEDITO AD AVCPP DI PROTEGGERLO

“I canili comunali sono stati luogo di salvezza per tanti animali. Non è più così”


ROMA, 23 giugno 2014 –“Era un cane sequestrato per maltrattamenti. Era arrivato a Muratella il 16 febbraio del 2014. Muratella doveva essere il suo luogo di salvezza. Juri è invece morto in canile. Chi avrebbe dovuto tutelarlo ci ha impedito di proteggerlo”. Così Simona Novi, Presidente dell’Associazione Volontari Canile di Porta Portese, la onlus no profit romana che dal 1997 gestisce i 4 canili comunali di Roma.

“Giovedì 19 giugno, Juri è stato colpito da una patologia mortale, la dilatazione dello stomaco. I veterinari ASL RMD di Muratella lo hanno decompresso ma in questi casi il monitoraggio in una clinica è essenziale e lo stesso medico lo ha evidenziato. Abbiamo chiesto alla ASL di ricoverarlo. Il responsabile ha rifiutato. Ci siamo messi a disposizione per sostenere le spese del ricovero, ma improvvisamente il ricovero non era più necessario ed hanno continuato a voler gestire il cane in canile; ci siamo dovuti fermare per evitare – come successo in passato – che il Direttore ASL RMD di Muratella ci accusasse di fare scelte non indicate dai veterinari. Juri è rimasto da giovedì sera in un corridoio di Muratella, perché la ASL – che alle 19 di sera lascia il canile – voleva “tenerlo sotto controllo”. La mattina di sabato 21 giugno abbiamo trovato Juri morto”.

“E’ in corso un teatro dell’assurdo dove Roma Capitale, proprietario degli animali e delle strutture di accoglienza, ha abdicato il suo ruolo di custode degli animali e ha delegato un dirigente della ASL a decidere della vita e della morte degli animali, già residenti nei canili o che dovrebbero entrare. Il ruolo dell’AVCPP – che dal 2008 ha speso 370.000 euro per curare i cani ed i gatti di Roma Capitale – è vessato ed osteggiato. E questo è il risultato. Abbiamo dato mandato ai nostri legali di procedere con una informativa alla Procura della Repubblica. Torniamo a chiedere al Direttore Generale della ASL RMD di procedere senza indugi alla nomina di un responsabile che trasformi Muratella nell’”ospedale veterinario” che i cittadini e gli animali della nostra città meritano di avere. E torniamo a chiedere al Sindaco Marino di nominare quel “delegato del Sindaco per la garanzia dei diritti degli animali”, promesso in campagna elettorale, che sappia rifondare l’Ufficio Diritti degli Animali con persone competenti ed appassionate e dare quel respiro, e soprattutto quei fatti, che erano stati promessi. E soprattutto per i quali il Sindaco, un anno fa, è stato votato. I volontari, i cittadini, ci sono e sono disponibili a fare la loro parte. Anche a costo di lottare contro le Istituzioni”

In foto, il cane Juri, pastore tedesco di circa 9 anni, entrato a Muratella il 16 febbraio 2014, matr. 270/14, sequestrato per maltrattamenti e a disposizione dell’autorità giudiziaria

2014-06-23T14:22:52+00:00 23 giugno 2014|6 Comments

6 Comments

  1. raffaele Tommaso 23 giugno 2014 at 3:01 pm - Reply

    complimenti asl rmd!!

  2. emanuela 23 giugno 2014 at 5:59 pm - Reply

    ciao yuri corri felice ora, la tua vita non sara’ stata fortunata ma finalmente sei libero!
    non avrei voluto commentare l’asl rm d anzi stavolta lo avrei fatto veramente in malo modo… dico solo ai responsabili di pregare x i loro cari perche’ prima o poi la palla gira

  3. Cristiana Casellato 24 giugno 2014 at 7:22 pm - Reply

    Da quando l’attuale giunta comunale ha vietato ad AVCPP di curare gli animali ospitati nei canili comunali, per la gioia di chi ha probabilmente deciso di svuotare in questo modo le strutture comunali, gli animali oltre a morire, MUOIONO SOFFRENDO IN MANIERA TREMENDA. Questo da quando il comune di roma (volutamente tutto minuscolo) ha deciso di riappropriarsi della sua figura, dimenticata per anni, di proprietario degli animali. SINDACO, PER GLI ANIMALI ERA MEGLIO QUANDO LI AVEVATE ABBANDONATI.

  4. andrea 3 luglio 2014 at 7:51 pm - Reply

    Grazie al nostro caro SINDACO che continua a fare solo danni!
    Pensa solo agli zingari CHE GLI ANNO DATO I VOTI e andare in bicletta!intanto i cani muoino E NESSUNO FA’ NULLA!! COMPLIMENTI INCOMPETENTE !

  5. Irene 4 luglio 2014 at 7:46 pm - Reply

    quando dicevamo che Marino non avrebbe mosso un dito…ci hanno presi per matti…

  6. Alessandra 10 luglio 2014 at 2:16 pm - Reply

    Cosa possiamo fare? Oltre alle donazioni in concreto cosa DOBBIAMO fare noi cittadini per impedire tutto ciò???
    Tanto abbiamo capito che Disgrazio Marino come al solito farà nulla….

Leave A Comment